GuitaREvolutioN

Visualizzazione desktop Registrati Login

Intervista a Dave Kilminster

 

Nome: David

Cognome: Kilminster

Età: 51 anni

Professione: chitarrista professionista

Segni particolari: suona in cima ad un muro a oltre dieci metri di altezza

David Kilminster nasce in Terra di Albione nel 1962 e fin da piccolo si appassiona alla musica; dopo aver suonato il piano, sceglie la chitarra, e questa decisione cambia la sua vita.

Da giovane dedica tempo ed energie anche al canto, e questo particolare lo rende un vocalist molto apprezzato.
Sono famose le sue frequentazioni artistiche con Keith Emerson, per cui suona live a partire dal 2002, e con Roger Waters, che lo porta agli onori della cronaca con il fantastico tour The Wall, in cui David è primo chitarrista, impegnato nelle parti di chitarra scritte da Gilmour.

Chitarrista eclettico e fuori dai canoni, unisce ad una grande tecnica un tocco fuori dal comune, qualità che lo rendono ad oggi uno degli artisti più apprezzati del mondo musicale.

David è stato il primo chitarrista a rispondere alle nostre richieste di intervista e si è dimostrato fin da subito un grande professionista ed una persona squisita.

 

 

Here's the interview as requested... I really hope you enjoy it!! I'll try and sort out the photograph tomorrow... :)

 

1) When did you start playing guitar and who were your guitar heroes ?

A: I started when I was fourteen... and the first guitar players I got into were people like Rory Gallagher, Pat Travers, Jimmy Page, Brian May, Gary Moore, guys like that.... and then I heard Van Halen!!!! That changed everything...

 

2) We know that at some point you had to change your playing from left-handed to right. Was it difficult to

get to the same level you were before?

A: Hmmm... it's all a little hazy from back then!! But I hadn't been playing left handed for very long, and I've always been pretty ambidextrous.... so I guess it didn't take too long.

 

3) When did you realize that you wanted to become a professional musician ?

A: It was probably when I first saw the Queen video for 'Bohemian Rhapsody'... I loved the acapella vocal intro, the haunting piano part... and of course Freddies voice. Then there was the beautiful guitar solo, the crazy operatics, and the amazing rock out section at the end!!! It's truly an incredible piece of music...

And they all looked so amazing... especially Freddie!!! I remember my father saying something derogatory about the black nail polish too, so I thought 'these guys must be really cool'!!! Hahaha...

 

4) Tell us about your collaboration with Guthrie Govan. How did you get in touch with him?

A: I believe we met around 1992... I'd won the inaugural 'Guitarist Of The Year' competition in 1991, and he

came up to me at a gig to say 'hi' and 'congratulations'... and of course he went on the win the 'Guitarist Of

The Year' in 1993 (they didn't run the competition in 1992)....

A year or so later we met again at the Guitar Institute in London, where I was teaching and he was starting as a new

teacher... and we just immediately hit it off and became good friends...

 

5) How is working with Roger Waters? Was the audition difficult?

A: I talked at length about the audition in a recent interview in Guitar World, but let's just say it was a total nightmare!! Hahaha...

http://www.guitarworld.com/guitarist-dave-kilminster-recounts-his-nightmare-audition-roger-waters

I thought that I was well prepared, but I was woefully untogether... also I had all sorts of technical problems and

brain freezes, so I really thought I'd blown the biggest opportunity of my life... I couldn't believe it the next day when I received the call telling me that I'd got the gig!!!

As for working with Roger, I absolutely love it... he's undoubtedly the most professional musician I've ever worked with, and a total perfectionist... I'm a perfectionist too, so I guess that's part of the reason why we get on so well!!!

Also the Wall show is an incredible piece of art... and I feel beyond blessed to have been a small part of it.

 

6) You've played on the top of the wall for "The Wall tour". How does it feel to play at that height in front of thousands of people?

A: I think the word 'terrifying' sums it up nicely!!! Hahaha.... no, I feel very alone and exposed up there, and the (admittedly mostly self imposed) pressure is pretty daunting... It's an integral part of the show, and I'm very conscious of the fact that it's a favourite tune for a lot of Floyd fans...

So I'm stood on a wobbly platform, roughly forty feet in the air... struggling to keep my balance and replicate a solo that everyone knows (and hopefully play it really well!!), while fifty thousand people are all pointing their video phones at me recording the whole thing... looking for the mistakes!!! Hahaha.... because you know that human nature being the way that it is, that if there was ever a really bad version of the solo (broken strings, technical problems, me falling off the wall, whatever) then that would be the one that EVERYBODY wants to watch!!!! :0/

So yeah, it was pretty scary... but I've seen it on YouTube, and it's totally incredible... it looks like the second coming of Christ!!! So, I deal with it...

 

7) You've been on tour with Roger Waters. It was a great and unforgettable tour for all of us. Tell us an anecdote of this tour that you will carry with you.

A: Wow... there are so many, I'm not even sure where to begin... but I guess as this is a website for guitarists;

I remember a phone call from my friend at 'Dunlop' the day after a show at the Staples Centre, in Los Angeles that freaked me out a little... He said "do you have any idea who was in the audience last night??!!! Steve Vai, Van Halen, Slash, Billy Corgan, Kirk Hammett... they were all there!!!! In fact Kirk was on the phone to me for an hour this morning talking about your guitar tone"!!!!

I thought that was pretty cool...!

 

8) We've seen in some pictures of your gear that you don't use expensive equipment or pedals. Can you tell us the reasons of this choice?

A: I just don't think you need too many effects live, as there's a limit to how much the audience can hear... especially with Roger when there's twelve people in the band, and we're also running orchestras, sound effects, exposions, etc off the hard drive!!! So I try to keep the guitar sound as clean and clear as possible, with the minimum of effects... so that the people in the audience can hear every single note....

I mean for example, why would you add reverb to your sound if you're playing somewhere like Madison Square Gardens? Just how much reverb do you actually want??!!! You need to take into account the space that you're playing in, and not just get a sound that works for you when you're stood right in front of the speakers....

 

9) Can you describe your collaboration with Brunetti amps ? Why do you use your amp at 20W instead of 50W ?

A: At the beginning of 2010 I was looking around for a new amp to use on the upcoming 'Wall' tour. I really wanted an amp that had a great overdrive sound AND a sweet clean tone... I thought that I'd have to go the way of Eric Johnson, and get a multiple amp set up... but Guthrie suggested using Brunetti amps for a brief Italian tour we were about to do... so we flew over for the first show and I plugged in to this Brunetti Mercury combo, and I was totally blown away!!!

They really are incredible amps!!! And so of course I asked Marco Brunetti if I could take them on tour with me!!!!

So for the Wall tour, I wanted a stereo set up... partly for the signal spread, but also partly so that if I ever have a problem with an amp then I can still get through the gig by just using the other one.... but the problem was that they were just too loud for Snowy, who always stands right next to me!!!

So I asked Marco if he could add a switch, to take the amps down to 20 watts.... but they were STILL too loud for Snowy!!! Hahaha.... he was using two AC30's, and I had my Brunetti's on 20 watts each (at roughly half volume), and I was still a lot louder than him!!! I guess it's because they're designed and made so well...

I actually prefer using them on 50 watts though... I really like to 'feel' the notes.... in fact I started work on a new solo album in April and I had my gig rig in the studio set on 50 watts and really cranked... it's such an incredible sound... :)

 

10) You've worked with many artists, who has left you more freedom to express your art ?

A: I had total creative freedom when I worked with Keith Emerson... especially as a lot of the music that we played didn't originally have any guitar parts, so I had to write my own... there was also tons of improvising and messing around too!!! It was definitely a lot of fun....

 

11) Rose and Bernadette, your main guitars, are not painted. Why? Is it just your personal taste? Is there any relation with the sound?

A: Yes, it has everything to do with sound!! The type of paint, the amount of coats, the sort of lacquer used.... all of that stuff they put on a guitar body has (I think) a detremental effect to the resonance of the wood... it just seems to soak up the tone... so I prefer my guitars to be bare ass naked!!! 

I think they look pretty cool too.... and I love that there's some of my blood, sweat and skin in those instruments... those guitars contain my DNA!!!

 

12) What is your relationship with the World Wide Web and its technologies ?

A: I guess it's a necessary evil... I don't know... there's a lot of things about it that I really dislike.

I originally thought that the web would help bring people closer together, but it's probably had the opposite effect.... Nowadays people can chat, argue(!!), find a partner, watch films & concerts, exercise, order food & clothes... even have sex??!!! And all without leaving the comfort of their own home...

I can see a day in the future when people just stay in their houses, avoiding any physical interaction whatsoever... you can kind of see it happening already, as people wander around the streets like zombies, totally engrossed in their smartphones.... and blissfully oblivious to the world around them...

And as for its technologies, I'm seeing a lot of totally talentless individuals making records now... but I'm not hearing any good music as a result of these advances.... in fact, if you listen to the radio in England it's probably worse than it's ever been!!

Computers seem to steal all your time too.... you get on line and get sucked right in.... I'm just really glad that I started playing guitar before the advant of PCs... otherwise I probably wouldn't have had the time to practice as much as I did!!!

 

13) How much time do you spend studying ?

A: Studying? I don't really study as such... I play, practice, mess around with new scales, formulas, chord progressions, etc... but there's really no schedule, it's all fairly haphazard. But I do try and play everyday for a while...

 

14) The Western world has been going through a big economic crisis. Does it affect your profession? In which way?

A: Yes, I really noticed that during the Wall tour this year.... it seemed that the messages in the show resounded stronger with the audience than ever before, which is obviously due to the problems and corruption in certain countries....

It's difficult to predict whether it will have an adverse effect on my profession though... maybe less people will be buying music and going to concerts... or maybe music and entertainment will become even more important, as people seek to escape their unhappy existence for a little while... who knows....

 

15) Last question: which projects are you currently working on?

A: As I mentioned earlier, I started recording another solo album (the follow up to 'Scarlet - The Directors Cut') in April... all the drums, bass, rhythm guitars and acoustics are done, so it's just solos and vocals to do... and I'll probably score some string parts again too.

But that will have to wait until late December, as I'll be touring Italy and Turkey at the end of the month with my good friend Murray Hockridge, promoting our acoustic album 'Closer to Earth'... hopefully we'll see some of you there!! 

Traduzione:

1) Quando hai iniziato a suonare la chitarra e chi sono stati i tuoi guitar heroes?

Ho iniziato quando avevo 14 anni.... ed i primi musicisti in cui mi sono imbattuto sono stati Rory Gallagher, Pat Travers, Jimmy Page, Brian May, Gary Moore, gente così! E poi...ho ascoltato Van Halen!!! Ha cambiato tutto...

 

2)Ad un certo punto hai dovuto cambiare il tuo modo di suonare da destro a sinistro. E' stato difficile arrivare allo stesso livello a cui eri prima?

Hmmmm.... Non mi ricordo molto bene!! Ma non ho suonato con la sinistra per molto tempo e sono sempre stato ambidestro....quindi non credo di averci messo tanto.

 

3) Quando hai capito che volevi diventare un musicista professionista?

Probabilmente è stato quando ho visto per la prima volta il video di “Bohemian Rhapsody” dei Queen....Adoravo l'intro vocale a cappella, l'incalzante parte di pianoforte... e ovviamente la voce di Freddie. Poi c'erano quel bellissimo assolo di chitarra, le folli parti operistiche, e l'incredibile outro rock alla fine...E' davvero un brano incredibile....

E loro avevano tutti un look fantastico, soprattutto Freddie!!! Mi ricordo che mio padre trovò da ridire anche sullo smalto nero sulle unghie, ed io invece ho pensato: “questi tipi devono essere davvero fighi” Hahaah....

 

4) Parlaci della collaborazione con Guthrie Govan. Come sei entrato in contatto con lui?

Credo che ci siamo incontrati nel 1992... Io avevo vinto il contest inaugurale “Guitarist of the Year” nel 1991 e lui venne ad incontrarmi

ad un concerto per dirmi “ciao” e “congratulazioni”....e naturalmente lui vinse il “Guitarist of the Year” nel 1993 (nel 1992 non fecero il contest).

Circa un anno dopo ci incontrammo di nuovo al Guitar Institute a Londra.

Io insegnavo, e lui stava iniziando come nuovo insegnante...ci siamo subito trovati e siamo diventati buoni amici.

 

5) Com'è lavorare con Roger Waters? L'audizione è stata difficile?

Ho parlato a lungo dell'audizione in una recente intervista su Guitar World, ma diciamo che è stato un vero incubo!! Hahaha....

http://www.guitarworld.com/guitarist-dave-kilminster-recounts-his-nightmare-audition-roger-waters

 

Pensavo di essere ben preparato, ma ero totalmente sfasato, in più avevo ogni sorta di problema tecnico, e il cervello mi è andato in pappa...ho davvero pensato di aver mancato l'opportunità di una vita..

Non ci potevo credere, il giorno dopo quando mi hanno chiamato per dirmi che ero stato scelto!!!

Per quanto riguarda lavorare con Roger, è assolutamente fantastico... lui è senza dubbio il musicista più professionale con cui abbia mai lavorato, ed un totale perfezionista... Anch'io sono un perfezionista, quindi credo che sia anche per questo che andiamo così d'accordo!!!

The Wall show è un'opera d'arte incredibile...e mi sento onorato di aver dato il mio piccolo contributo.

 

6) Hai suonato in cima al muro nel “The Wall Tour”. Come ci si sente a suonare a quella altezza davanti a migliaia di persone?

Penso che la parola “ terrificante” renda bene l'idea!!! ha ha ha... Mi sono sentito molto solo ed esposto lassù, e la pressione (devo ammettere autoindotta) è davvero spaventosa.. E' parte integrante dello show e sono conscio del fatto che moltissimi fans dei Pink Floyd la adorano...

Quindi, me ne stavo su questa piattaforma traballante a circa 12 metri di altezza.. sforzandomi di mantenere l'equilibrio e replicando un assolo che tutti conoscevano (e sperando di suonarlo molto bene!) mentre 50 mila persone registravano il tutto con i cellulari, cercando gli errori !!! Hahaha...Perchè sappiamo com'è la natura umana, se ci fosse una sola brutta versione di quell'assolo, dovuta a qualsiasi motivo (corde rotte, problemi tecnici, io che cado dal muro), di sicuro sarebbe quella che TUTTI vogliono vedere!!! 

Quindi si, è stato piuttosto spaventoso, ma ho visto il video su youtube, ed è assolutamente incredibile...sembra la seconda venuta di Cristo!!!

Quindi mi va bene! 

 

7) Il tour con Roger è stato indimenticabile per noi fan, ci puoi raccontare un aneddoto di cui ti ricorderai per sempre?

Wow… ce ne sono tanti, non so neanche da dove cominciare… ma visto che questo è un sito di chitarristi…

Mi ricordo una telefonata da un mio amico della Dunlop il giorno dopo lo show allo Staples Centre, a Los Angeles, che mi ha messo un po’ sottosopra… Mi disse: “Ma hai la minima idea di chi c’era tra il pubblico ieri sera??!!! Steve Vai, Van Halen, Slash, Billy Corgan, Kirk Hammet erano tutti li! E Kirk mi ha tenuto un’ora stamattina al telefono parlandomi del suono”

Ho pensato “che figata”... 

 

8) Abbiamo visto in alcune foto del tuo setup che tu non usi strumentazione o pedali costosi. Puoi spiegarci il perché di questa tua scelta?

Semplicemente non penso che uno abbia bisogno di molti effetti live, perché c’è un limite a quanto il pubblico riesce a sentire…specialmente con Roger, quando ci sono 12 persone nella band, e dobbiamo gestire suoni d’orchestra, effetti sonori, esplosioni, etc che esulano dalle distorsioni!!! Quindi cerco di mantenere il suono di chitarra più chiaro e pulito possibile, col minimo di effetti, in modo che la gente nel pubblico possa sentire ogni singola nota. Voglio dire, ad esempio, perché dovrei aggiungere riverbero al suono se sto suonando in un posto come il Madison Square Garden? Quanto riverbero vogliamo in realtà? Devi tenere in considerazione il posto in cui stai suonando e non semplicemente cercare di ottenere un suono che funziona quando sei da solo davanti alle casse….

 

9) Puoi descrivere la tua collaborazione con gli ampli Brunetti? Perché usi il tuo ampli a 20W anziché a 50W?

All’inizio del 2010 stavo cercando un nuovo ampli per l’imminente tour di “The Wall”. Volevo davvero un ampli che avesse un grande overdrive sound e un dolce clean tone. Ho pensato di dover seguire la via tracciata da Eric Johnson a prendere un set up basato su più ampli…ma Guthrie mi ha suggerito di usare Brunetti per un breve tour italiano che stavamo per fare. Quindi siamo volati in Italia per il primo concerto, e ho attaccato questo Brunetti Mercury Combo ed ero totalmente a bocca aperta! ! !

Sono davvero degli ampli incredibili !!! Ovviamente ho chiesto a Marco di portarli in tour con me!!!

Quindi per il tour di “The Wall” ho voluto un set up stereo….in parte per la diffusione del segnale, ma anche come back up in caso di problemi ad uno dei due…ma il problema è che ero troppo alto di volume per Snowy White, che sta sempre proprio vicino a me!!!

Così ho chiesto a Marco se poteva aggiungere uno switch per ridurre gli ampli a 20w… ma sono ancora troppo potenti per Snowy!!! Hahaha.... Lui usava due AC30 ed io avevo i miei Brunetti a 20w (grosso modo a metà volume) ma ero ancora molto più alto di lui!!! Penso dipenda dal fatto che sono progettati e costruiti benissimo…

In realtà preferisco usarli a 50w, mi piace davvero come mi trasmettono la sensazione delle note. Infatti ho iniziato un nuovo album solista ad Aprile ed il mio set up in studio era a 50w ed era veramente devastante… proprio un suono incredibile... )

 

10) Hai lavorato con molti artisti, chi ti ha lasciato più libertà d’espressione ?

Ho avuto totale libertà creativa quando ho lavorato con Keith Emerson… specialmente perché molti dei brani che abbiamo suonato non avevano parti per chitarra, quindi me li sono dovuti scrivere da solo… c’erano molte parti di improvvisazione e anche di cazzeggio!!! E’ stato assolutamente divertente.... 

 

11) Rose e Bernadette, le chitarre che usi di più, non sono verniciate. Perchè? E’ solo una questione di look, o ha a che fare con il suono prodotto?

Si, ha a che fare col suono!! Il tipo di vernice, la quantità di mani, ogni sorta di smalto usato… tutte quelle cose che mettono sul body di una chitarra hanno (penso) un effetto deleterio sulla risonanza del legno… sembra che assorbano il suono… quindi preferisco e mie chitarre completamente nude!!! )

Penso che siano anche piuttosto fighe, e adoro il fatto che ci sia sopra un po’ del mio sangue, sudore e pelle… quelle chitarre contengono il mio DNA!!!

 

12) Qual’è il tuo rapporto col World Wide Web e le sue tecnologie?

Penso che sia un male necessario… non so, ci sono molte cose che proprio non mi piacciono.

All’inizio pensavo che il web avrebbe unito le persone, ma probabilmente ha l’effetto opposto… Oggi la gente chiacchiera, litiga (!), trova un partner, guarda film e concerti, si esercita, ordina cibo e vestiti….fa persino sesso??!!! E tutto questo senza lasciare il comfort delle loro case…

Mi sembra di vedere un futuro in cui le persone staranno semplicemente a casa, evitando qualsiasi tipo di interazione fisica… in un certo senso sta già accadendo, vedi persone che vagano per le strade come zombie, totalmente assorbiti dai loro smartphone…beatamente incuranti del mondo intorno a loro…..

Per quanto riguarda le tecnologie del web, vedo un sacco di individui totalmente privi di talento che fanno dischi ora ma quello che sento non è buona musica….infatti se ascolti la radio in Inghilterra, è probabilmente peggiore di quanto sia mai stata!!

Anche i computer sembrano rubarti tutto il tempo….tu vai online e ne sei risucchiato… sono contento di aver iniziato a suonare prima dell’era dell’esplosione dei PC…. altrimenti probabilmente non avrei avuto il tempo di esercitarmi tanto come ho fatto!!!

 

13) Quanto tempo passi a studiare ?

Studiare? Non è che proprio studio davvero… Suono, mi esercito, cazzeggio con nuove scale, formule, progressioni di accordi, etc, ma non

ho una vera tabella di marcia, è tutto piuttosto a caso. Ma provo e suono ogni giorno per un po’…

 

14) Il mondo occidentale sta attraversando una grossa crisi economica. La tua professione ne risente? In che modo?

Si, l’ho davvero notato durante il “The Wall” tour quest’anno… sembra che contenuti dello show risuonassero più fortemente tra il pubblico rispetto a prima, il che è ovviamente a causa dei problemi e della corruzione in alcuni paesi…

E’ difficile prevedere se la crisi avrà un effetto avverso sulla mia professione in effetti… forse meno persone compreranno musica e andranno ai concerti, o forse la musica e l’intrattenimento diventeranno ancora più importanti, perché la gente cercherà di scappare dalle loro esistenze infelici per un po’… chi lo sa!

 

15)  Ultima domanda: su che progetti stai lavorando adesso?

Come dicevo prima, ho iniziato a registrare un album solista (il seguito di ‘Scarlet - The Directors Cut’) ad Aprile, tutte le parti di batteria,basso, chitarra ritmica e acustica sono finite, mi rimangono da fare solo le gli assoli e le voci… e probabilmente reinciderò ancora qualche parte di chitarra.

Ma tutto è rimandato a fine dicembre in quanto sarò in tour in Italia e Turchia alla fine del mese (Novembre n.d.r.) col mio buon amico Murray Hockridge, per la promozione del nostro album acustico 'Closer to Earth'... magari vedremo qualcuno di voi in una di queste serate !! ))

 

 

Traduzione a cura di Cecilia Pistilli

 

 

 

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

 

 

November 23rd – Vignola (MO) – Stones Café (free entrance) – www.stonescafe.it

November 25th – Milano – Blues House – ticket Eur 15 - www.blueshouse.it

November 26th – Montebelluna (TV) – Live Mattorosso – www.facebook.com/pages/Mattorosso/222229027937993

November 27th – Udine – Black Stuff - www.facebook.com/pages/The-Black-Stuff-i...dine/214933728566313

November 28th – San Giovanni alla Vena (PI) – Blitz Live Music Pub – ticket Eur 10 - www.blitzlivemusicpub.it/id34.htm

November 29th – Roma – Casa del Jazz – www.casajazz.it

November 30th – Ascoli Piceno – Break Live Club – www.breakliveclub.com

 

 

 

 

 

embed video powered by Union Development

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported

Su Versione desktop